Quali sono i principali componenti di CARNIFAST PLUS?

CARNIFAST PLUS è costituito da pro-energetici tra cui propionil-L-carnitina, creatina e coenzima Q10, sali minerali (magnesio, sodio, potassio, zinco e selenio) e vitamine (B2, B3, B5).1

Ma che tipo di molecole sono?

La propionil-L-carnitina

La propionil-L-carnitina è coinvolta nella produzione di energia a partire dai grassi e dai carboidrati.2 All'interno della cellula questa molecola è scissa in L-carnitina, un mediatore nel trasporto degli acidi grassi, e propionil-CoA, che stimola la produzione di ATP (adenosina trifosfato), molecola fondamentale del metabolismo energetico. La propionil-L-carnitina aumenta la forza contrattile del muscolo e di conseguenza la resistenza alla fatica, ma protegge anche le cellule dal danno ossidativo.2

La creatina

La creatina è un tripeptide sintetizzato nel fegato e interviene nel metabolismo energetico e muscolare. Essa è immagazzinata a livello del muscolo scheletrico sotto forma di fosfocreatina, un deposito energetico che, in caso di attività di breve durata ed alta intensità, è in grado di rigenerare rapidamente energia sotto forma di ATP.3 La creatina è uno dei supplementi energetici maggiormente utilizzato dagli atleti e dato che aumenta l'apporto di ossigeno a livello celebrale può essere anche impiegata per prevenire/ritardare l'insorgenza di malattie neurodegenerative associate all'età, o ridurre la fatica mentale.4

Il coenzima Q10

Il coenzima Q10, o ubichinone, è una molecola presente nelle membrane delle cellule e, in particolare, nei mitocondri, organelli adibiti alla produzione di energia. Il coenzima Q10, che si trova ad alte concentrazioni nel cuore, nel fegato, nei reni e nel pancreas, è un pro-energetico, in quanto è coinvolto nella produzione dell'ATP, ma è anche un antiossidante, poiché protegge le cellule dal danno provocato dai radicali liberi.5 Un'alimentazione equilibrata dovrebbe garantire un buon apporto di coenzima Q10, ma con l'avanzare dell'età, o nel caso di particolari disfunzioni, è possibile riscontrarne una riduzione richiedendo l'uso di integratori.6,7

I sali minerali

I sali minerali sono micronutrienti che non forniscono direttamente energia, ma sono essenziali per diversi processi fisiologici. Il nostro organismo non è in grado di produrli, è quindi necessario introdurli o integrarli con la dieta. Infatti, oltre a garantire un normale equilibrio idro-salino, intervengono nella contrazione muscolare, nella conduzione dell'impulso nervoso e nella regolazione del ritmo cardiaco.8 Inoltre, alcuni di essi (zinco e selenio) esplicano anche un'azione antiossidante.

Le vitamine

Le vitamine sono indispensabili per il funzionamento ottimale del nostro organismo. A rischio di deficit vitaminici sono gli anziani, i soggetti debilitati o con alterazioni nelle capacità di assorbimento, ma anche le donne in gravidanza o allattamento. In particolare, la vitamina B2 o riboflavina è fondamentale per la crescita e la riparazione dei tessuti; la vitamina B3 o niacina è importante per il funzionamento del sistema nervoso e la produzione di energia; la vitamina B5 o acido pantotenico è un precursore del coenzima A, molecola fondamentale nel metabolismo dei grassi e dei carboidrati; infine, la vitamina E è un fattore antiossidante e stimolatore del sistema immunitario.9

Bibliografia

  1. Carnifast Plus. Foglietto illustrativo
  2. Ribas GS, Vargas CR, Wajner M. L-carnitine supplementation as a potential antioxidant therapy for inherited neurometabolic disorders. Gene 2014 Jan 10;533(2):469-76. doi: 10.1016/j.gene.2013.10.017.
  3. Trexler ET, Smith-Ryan AE. Creatine and Caffeine: Considerations for Concurrent Supplementation. Int J Sport Nutr Exerc Metab 2015 Jul 28.
  4. Smith RN, Agharkar AS, Gonzales EB. A review of creatine supplementation in age-related diseases: more than a supplement for athletes. F1000Res 2014 Sep 15;3:222.
  5. Suksomboon N, Poolsup N, Juanak N. Effects of coenzyme Q10 supplementation on metabolic profile in diabetes: a systematic review and meta-analysis. J Clin Pharm Ther 2015 Aug;40(4):413-8.
  6. Erbguth F, Himmerich H. Nutrition and dietary supplements in neurological diseases. Nervenarzt 2014 Dec;85(12):1501-11.
  7. Flowers N, Hartley L, Todkill D, Stranges S, Rees K. Co-enzyme Q10 supplementation for the primary prevention of cardiovascular disease. Cochrane Database Syst Rev 2014;12:CD010405
  8. Melvin H Williams. Dietary supplements and sports performance: minerals. J Int Soc Sports Nutr 2005;2:43-49.
  9. Mariani Costantini A, Cannella C, Tomass G. Fondamenti di Nutrizione Umana. Il Pensiero Scientifico Editore, Roma 1999. ISBN 88-7002-847-X.