La dieta di preparazione all'attività sportiva: dal ciclismo al fitness

Una corretta alimentazione è fondamentale per mantenere il corpo in salute, in particolare un'alimentazione corretta ed equilibrata rappresenta il sistema più adatto per soddisfare i particolari bisogni energetici e nutrizionali degli sportivi, sia amatoriali che professionistici. Non esistono alimenti miracolosi in grado da soli di migliorare le prestazioni fisiche, tuttavia una dieta ben studiata, associata ad un allenamento adeguato, permette il massimo rendimento agonistico.

Va sottolineato che molto dipende dall'intensità e dalla regolarità con cui si fa movimento. Uno sport praticato a livello dilettantistico non richiede regole alimentari particolari, se non quella di una dieta equilibrata valida per tutti. Per coloro che invece si allenano con continuità (9-10 mesi all'anno), regolarità (almeno un allenamento di 2-3 ore al giorno per 5-7 giorni alla settimana) e buona intensità vanno invece previsti maggiori introiti di carboidrati e proteine. Un'ora di attività fisica intensa, infatti, può comportare un aumento del dispendio energetico fra le 400 e 900 kcal, in relazione al grado di allenamento, alla durata, all'intensità e alla tipologia degli esercizi effettuati.

Anche la tempistica è importante. Dopo un pasto completo (primo e secondo piatto, contorno e pane) è necessario far passare circa 3 ore prima di allenarsi, nel caso di una sola portata sono sufficienti un paio d'ore. Non è consigliabile affrontare un'attività fisica di media intensità, come un'ora di fitness o di ciclismo, dopo un periodo prolungato di digiuno. È consigliabile, un'ora circa prima dell'allenamento, fare uno spuntino. Adatti a questo scopo: frutta fresca, succo di frutta, spremuta, in associazione o in alternativa a cracker, pane con marmellata o miele, pane con prosciutto cotto o crudo sgrassati, biscotti secchi, fette biscottate. Da evitare invece alimenti grassi come focaccia, pizza, tramezzini, dolci con creme. L'apporto calorico deve essere proporzionale alla necessità di dispendio energetico previsto.