Sport invernali: come affrontarli al meglio

I benefici di muoversi anche in inverno

L'inverno è ormai alle porte e molti di noi, soprattutto chi è amante dello sport, si chiedono se continuare a fare attività fisica all'aperto sia una buona idea o, nell'attesa delle bella stagione, si debba continuare a fare sport al chiuso, per non esporsi a qualche fastidioso malanno di stagione.

C'è poi chi sceglie, durante la stagione invernale, di ridurre l'attività fisica, con il rischio di andare incontro a un possibile aumento del peso corporeo, anche perché bisogna considerare che in inverno si è soliti consumare cibi più calorici a causa delle basse temperature.

Ridurre l'attività motoria non è dunque una buona idea, e nasce principalmente dalla credenza che praticare attività sportive all'aperto durante la stagione invernale possa danneggiare la salute incrementando il rischio di ammalarsi. Ma questa considerazione è del tutto infondata. Infatti, oltre a mantenere il peso sotto controllo e ad aiutare a prevenire lo sviluppo di malattie sempre più diffuse, come quelle cardiovascolari, in inverno ci sono almeno tre ottimi motivi per praticare attività sportiva all'aperto:

  • rafforza il sistema immunitario, aiutandoci a combattere con più efficacia i malanni di stagione;
  • aumenta la produzione di vitamina D la cui sintesi è stimolata dalla luce solare. Questa vitamina promuove l'assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa contribuendo alla prevenzione dell'osteoporosi;
  • migliora il tono dell'umore, inducendo la produzione da parte del nostro organismo di endorfine (potenti analgesici ed eccitanti), e ci aiuta a fronteggiare i disturbi dell'umore causati dalla ridotta esposizione alla luce solare e alla presenza di giornate uggiose.

Ma esattamente perché fa bene praticare sport in montagna?

Il clima montano può aiutare i soggetti che soffrono di asma perché l'aria secca è libera da allergeni quali acari, pollini e inquinamento, ma anche perché la maggiore esposizione alla luce solare esplica importanti azioni antinfiammatorie e soprattutto stimolanti il sistema immunitario.

Allenarsi in montagna potenzia anche il metabolismo aerobico, ovvero aumenta la capacità di utilizzare ossigeno da parte dei muscoli garantendo una migliore prestazione fisica. Infatti, in montagna la pressione dell'ossigeno diminuisce a mano a mano che si sale di quota e il nostro organismo, per far fronte a ciò, reagisce fisiologicamente tramite la produzione di più globuli rossi, le cellule adibite al trasporto dell'ossigeno a tutti i distretti del nostro corpo. L'attività fisica in montagna risulta anche salutare per chi soffre di disturbi dell'umore o di depressione.

In ogni caso però, nonostante i notevoli benefici, è importante fare attenzione ad alcune categorie di soggetti. Più precisamente anziani, bambini e donne in gravidanza potrebbero soffrire in modo particolare l'alta quota a causa dell'ipotermia e della disidratazione, andando incontro a disturbi di circolazione e renali. Soprattutto le donne che si trovano all'ultimo trimestre di gravidanza dovrebbero evitare eccessivi sforzi così come stare in ambienti troppo freddi. In questi casi è sufficiente utilizzare il buon senso e/o rivolgersi al proprio medico di famiglia per ottenere le giuste indicazioni.

Inoltre, la qualità dell'aria aperta è decisamente migliore rispetto a quella che si respira in molte palestre e centri fitness, che è compromessa dalla presenza di sostanze che possono risultare nocive per chi le inala quali monossido di carbonio, formaldeide, ozono, biossido di carbonio e polveri. Chi soffre d'asma o di altri problemi delle vie respiratorie può in questo modo evitarne i sintomi e allo stesso tempo non rinunciare ai benefici del movimento.

In questo speciale vedremo, quindi, quali sono gli sport praticabili in inverno e vi daremo qualche consiglio per praticarli al meglio:

  1. Guida agli sport invernali sul ghiaccio e sulla neve
  2. Consigli pratici per praticare sport durante la stagione invernale
  3. Cibi che aiutano a praticare sport con il freddo